CAPI ITALIANI IN CASHMERE
Italia il primo paese trasformatore

CAPI ITALIANI IN CASHMERE
Italia il primo paese trasformatore

Il cashmere è 10 volte più leggero e più caldo della lana, perché all'interno della sua fibra c'è una camera d'aria che agisce da isolante termico.
La fibra migliore è quella molto fine, riservata alla produzione di biancheria intima; quella un po' meno fine si presta per la maglieria, mentre la più grossa per cappotti e tappeti.

Il diametro del cashmere dev'essere compreso tra 14,5 e 18,5 millesimi di millimetro (micron). Quando raggiunge il diametro di 19-20 micron prende il nome commerciale di cashmere del Pakistan, di qualità inferiore, utilizzato soprattutto per cappotti e tappeti un po' meno pregiati.

Tutte le capre (ad esclusione dell'Angora) producono sotto il pelo questa finissima lanugine, ma quantità commerciabili vengono ottenute solo dalla capra del Kashmir, originaria degli altipiani dell'Asia centrale, dove vive anche a 6.000 metri di altezza.

Il primo produttore mondiale di cashmere grezzo è la Cina, seguita da altri paesi dell'area come Mongolia, India, Pakistan, Iran, Afganistan; da qualche anno viene allevata anche in Australia, Stati Uniti, Scozia e Francia.
E' pero l'Italia il primo paese trasformatore.

La lavorazione è quella della lana, con la differenza che il cashmere deve essere separato dal pelo (giarra), recuperato ed utilizzato per produrre pellicce: ha un diametro di circa 60 micron, una notevole resistenza ed un midollo centrale non completamente cavo.

GUARDA LE OFFERTE DI IMA CASHMERE


OFFERTE DONNA


OFFERTE UOMO



ks

Richiedi informazioni

Se desideri un capo particolare o maggiori informazioni in merito ai nostri prodotti, inviaci una mail con la descrizione di cosa cerchi. Saremo felici di risponderti.